sabato 28 gennaio 2012

Baklava alla mia prima cena Persiana a Venezia



Cari lettori vorrei presentarvi la ricetta di questo squisito dolce che è Baklava.
Pieno di sapori e profumi. C'è tutto l'oriente dentro questa meraviglia di dolce.



Ma prima vorrei  condividere con voi la mia gioia di aver realizzato un sogno, la mia prima cena persiana a Venezia, in un ristorante meraviglioso di nome La Colomba. Ho fatto Baklava in quella magnifica serata.




Lui è Alessandro Marini grande chef del ristorante La Colomba fino a pochi mesi fa, colui che mi ha dato tutto il suo appoggio ed estrema professionalità per realizzare una serata indimenticabile.

  

La copertina del menù


Questi sono tutti gli antipasti che sono stati serviti a tavola.


E tutti i secondi piatti abbiamo servito al buffet.



Il mio caro amico iraniano Mohsen mi ha prestato un bellissimo tappeto persiano della sua collezione  per allestire il ristorante per l'occasione e devo dirvi,come si vede, con buon gusto ha scelto il tappeto in armonia con tutti i quadri storici del ristorante.





Questi sono Borani, crema di spinaci, aglio e yogurt
e Mirzaghasemi, la crema affumicata di melanzane (la ricetta nel mio bolg del 1/9/2011)


Dolmeh, involtini di verdure al riso, erbe aromatiche e spezie
 (la ricetta nel mio blog del 22/7/2011)




Il buffet dei secondi piatti con sempre presente il riso basmati con la crosta allo zafferano
 (la ricetta nel mio blog del 28/6/2011) 



Ha avuto molto successo anche il Khoresht Bademjan, spezzatino di manzo con le melanzane
La ricetta nel mio blog del 19/8/2011

)

Il vassoio del riso basmati al crespino in agrodolce, Zereshk, pistacchi, mandorle e scorza d'arancia candita



Sono molto indaffarata e gioiosa per servire i miei ospiti


 Il Samovar con tutte le variazioni del thè


Sul tavolo da thè con Samovar ci sono thè verde al gelsomino, thè al cardamomo, thè rosso alla menta, thè al bergamotto, camomilla e gelsi bianchi essicati e le zolettte di zucchero.
In Iran si sorseggia il thè con la frutta secca oppure con le zolette di zucchero in bocca, senza aggiunta di zucchero al thè, e un pò alla volta bevendo il thè le zollete si sciolgono e danno la loro dolcezza al thè amaro.



                                                        Sono sempre al lavoro !




Baklava


Il gelato persiano allo zafferano, acqua di rose e pistacchi fatto dallo chef Alessandro


Anguria e melone, in Iran d'estate se ne mangiano tantissime. 





Alla fine della cena e' stato bellissimo presentare Alessandro agli ospiti, naturalmente con tanti applausi e complimenti






Ho lasciato questo libro ai miei ospiti per i commenti e devo dire che sono satata molto soddisfatta.
Col passare del tempo questo libro è diventato il mio biglietto da visita, perchè l'ho riempito con le foto di quella serata,  della mia seconda cena persiana sempre alla Colomba, e delle altre mie cene e attività, e con tantissime fotografie dei miei piatti. Quando ho partecipato al programma "Questo l'ho fatto io" su Raisat gambero rosso channel, avevo portato con me questo libro e sono stata felice che la simpatica presentatrice Francesca Barberini durante la trasmissione lo sfogliava e ne parlava. E naturalmente a sua volta ho messo dentro anche le foto di quella trasmissione che mi ha dato tanta gioia.
Il video lo potete vedere sul mio blog del 25/10/2011.



Siamo alla fine serata, e finalmente sono seduta !  Stanchissima ma tanto felice !


E ringrazio tanto anche mio amico Mohsen Chavoshbaran  per questa opera d'arte della mia terra
il tappeto persiano Lori Baft Royal Collection

La ricetta di Baklava
--------------------------------



Ingredienti
--------------

Zucchero di canna                         4 tazze
Acqua                                           1 tazza
Acqua di rose                                 mezza tazza
Pistacchi sgusciati tritati                  450 gr
Mandorle mondate tritate                 450 gr
Cardamomo macinato                    due cucchiai
Cannella macinata                           un cucchiaio
Fogli di pasta fillo surgelati               15
Burro fuso                                        mezza tazza

Mescolate l'acqua, due tazze di zucchero e acqua di rose e in una pentola e portate a ebollizione e lasciate raffreddare. Tritate in un tritatutto per un minuto i pistacchi, le mandorle, il cardamomo, la cannella e le due tazze di zucchero rimaste. Imburrate una teglia di dimensioni 30X20 cm e stendetevi cinque fogli di pasta fillo che avete spennellato con il burro. Spalmate sopra uno strato sottile e omogeneo del composto che avete tritato e coprite con altri cinque fogli di pasta imburrati. Ripetete fino a usare tutto il composto. Coprite con altri cinque fogli di pasta fillo. Con un coltello affilato tagliate in diagonale per ottenere dei rombi. Cuocete in forno a 180 C° per un'ora. Una volta sfornato versatevi sopra lo sciroppo freddo di zucchero e acqua di rose. Servite freddo.

Mando un affettuoso saluto al mio amico Chef Alessandro Marini, perchè senza di lui tutta questa fantastica serata non sarebbe mai stata possibile. Grazie di cuore Alessandro !

E a voi un abbracio  e grazie che mi seguite

Shoreh

13 commenti:

  1. Ho scoperto il tuo blog con un link che hai postato sulla pulce e il topo. e visto che adoro la cucina del mondo intero e scoprire sempre nuove cose...mi sono fiondata! La baklava l'adoro da bambina, la fanno anche in Israele e ne sono molto legata.
    grazie, seguirò il tuo blog attentamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eleonora mi fa molto piacere. Infatti anche per me baklava e' massimo dei dolci ma purtroppo da quando ho scoperto la mia celiachia da qualche anno non ho piacere di assaggiare un vero baklava. Un abbraccio a te e grazie

      Elimina
  2. la baklava è buonissima, e la tua cena... mi piacerebbe moltissimo partecipare a una cena come questa, anche perché molti dei cibi vostri sono naturalmente senza glutine, e non mi sentirei in difficoltà

    RispondiElimina
  3. hai mai provato a fare la pasta fillo in casa con le farine senza glutine?
    la speranza c'è. per le farine, ci sono dei mix di farine naturali o di farmacia con cui riesce bene anche la sfoglia, quindi immagino che si possa fare anche la fillo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaia non ho mai provato a fare pasta fillo a casa, penso che sia un pò difficile per mancanza di glutine che non lega molto, se conosci qualche marca buona di farina mista mi puoi indicare? Io prendo sempre pasta sfoglia di ds food, è un pò unta , ma si avvicina a quella normale, è abbastanza buona. Spero che le prossime volte tu possa venire alle mie cene, con questa scuca fai una vacanza a Venezia.Grazie che segui il mio blog, hai ragione che tanti di nostri piatti sono gluten free. Ti aspetto speriamo Inshallah. Un abbraccio

      Elimina
  4. Carissima, aspetto i tuoi post per perdermi nei colori e nei profumi della tua cucina!!!!! Questo dolce è una vera meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Eleonora grazie, io aspetto te a Venezia, Un abbraccio

      Elimina
  5. Che piatti meravigliosi, chissà che buono il riso con crosta al melograno! complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vitto grazie ! complimenti anche a te per il tuo bellissimo blog. Sai le bacche in foto che sembrano chicchi di melograno in realtà sono crespino, in persiano zereshk, sono molto buone e hanno un gusto aspro e con aggiunta di zucchero diventano agrodolce, e in cucina persiana vengono usate molto, ma purtroppo non trovi in giro, solo in negozi alimentari degli iraniani. Grazie che segui il mio blog e un abbraccio forte ;)))

      Elimina
  6. vi invito a http://www.prezzemolino.com/2012/01/contest-vinci-uno-sparabiscotti.html

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. che delizia il Baklava! Lo fanno anche qui in Grecia...complimenti per il tuo talento e per le tue descrizioni, leggerti e' sempre un piacere

    RispondiElimina